martedì 11 novembre 2014

La Metro C non si deve fermare: anzi sì, a Chiesa Nuova.


Domenica 9 Novembre 2014 la metro C ha preso vita, seppur nella sua tratta più periferica e con orari e frequenze limitati (ma temporanei). Un passo epocale tuttavia. Specialmente per i tantissimi pendolari della periferia est che da anni (dal 2008 per l'esattezza) non avevano più un collegamento su ferro con la città. Il "progetto" Metro C dunque va avanti con la tratta fino a Lodi ormai completata e in collaudo (apertura prevista estate 2015) e le stazioni fino al Colosseo in fase di scavo. Poi bisogna puntare dritti al centro storico. La stazione Venezia grazie ai fondi dello sblocca Italia sarà inserita nell'attuale tratta e il cantiere aprirà presumibilmente entro il prossimo anno. Il resto è stato nebbia fino a pochi giorni fa. Ricordiamo che il progetto originario prevedeva dopo Venezia le fermate Argentina, Chiesa Nuova (su Corso Vittorio), San Pietro, Risorgimento, Ottaviano e Clodio-Mazzini. Sei stazioni per liberare il centro dalla morsa del traffico sull'asse più turistico della città. Argentina fu cassata ormai molti anni fa per problematiche archeologiche insormontabili. Poi l'oblio. Seguì la proposta di project financing avanzata da MetroC SpA che prevedeva le fermate Venezia, Chiesa Nuova, San Pietro, Ottaviano, Oslavia, Auditorium e Farnesina. Tuttavia la proposta è risultata irricevibile in termini economici per l'attuale amministrazione. Fu ventilata quindi la sciagurata l'ipotesi di fermarsi per sempre a piazza Venezia. Infine le dichiarazioni recenti dell'amministrazione: si arriverà a Ottaviano ma bypassando totalmente Corso Vittorio Emanuele cioé cancellando la fermata di Chiesa Nuova. Due sole stazioni dunque dopo Venezia: San Pietro e Ottaviano. Risorgimento abbandonata per la vicinanza con Ottaviano e Clodio perché sostituita dal futuro tram della musica su viale Angelico. Chiesa Nuova invece abbandonata per il "rischio di aumento di costi e tempi dovuti alle problematiche archeologiche". 3km e 2 stazioni. Il tutto per la modica cifra di 1,2 Miliardi di euro.

Tutto questo è inaccettabile. Perché? Dal punto di vista trasportistico raggiungere Ottaviano è imprescindibile per chiudere la maglia del centro storico e consentire finalmente alla tratta centrale della linea A di alleggerirsi caricata com'è oggi dall'essere l'unica linea a servizio appunto del centro. Altrettanto imprescindibile è realizzare la fermata a Chiesa Nuova tuttavia. Una stazione strategica, a 400 metri da Piazza Navona e Campo dei Fiori, a pochi passi da via Giulia (che potrebbe essere finalmente pedonalizzata!). Fondamentale non solo per i milioni di turisti che visitano il cuore del centro ma anche per le migliaia di dipendenti di alberghi, uffici, ristoranti, negozi, studi professionali, La stazione che svuoterebbe di colpo il 64 e il 40 i bus più affollati e pericolosi di Roma. Le indagini archeologiche condotte per anni hanno rivelato reperti importanti ma non hanno decretato l'impossibilità di costruire una stazione in quel punto. Ora, si parla di contenimento di tempi e costi. Tuttavia sarebbe ben più pesante spendere altri 1,2 miliardi di euro pubblici per una linea che non raggiunge gli obiettivi per cui era nata, cioé liberare il centro dal traffico. Se poi si guarda a esempi simili ma più virtuosi come quello di Napoli il paragone è imbarazzante. I tempi sono stati lunghi è vero, ma i tesori archeologici rinvenuti (ben più eclatanti dei nostri) saranno integrati nelle stupende nuove stazioni. Una vera metro archeologica insomma. Dunque serve una forte volontà politica. Si rescindesse pure il contratto col contraente attuale che tanti problemi ha creato sinora con la sciagurata formula del general contractor e si indica una nuova gara. Ci vorrà qualche anno in più ma i benefici saranno per sempre. Con un miliardo e due si realizzerebbero per dire i prolungamenti della metro B a casal monastero, della A a Torrevecchia e la linea leggera Anagnina-Tor Vergata. Per dire. E' necessario non abbandonarsi al motto di "non ci sono le risorse" perché è una scelta che potremmo pagare per sempre. 

8 commenti:

  1. Post condiviso e fatto girare. Bisogna pestare su questo tasto ogni giorno finchè non lo capiranno.

    RispondiElimina
  2. Linea C senza Chiesa Nuova nn serve a niente. Dopo la fermata Venezia questa di Chiesa Nuova e' in assoluto la piu' importante. Immaginiamo per un' attimo la linea A senza le fermate di Barberini e Spagna, in mezzo il niente....... Anche un politico poco appassionato di problematiche legate alla mobilita' dovrebbe poterlo comprendere. Nn ci sono fondi a sufficienza, benissimo allora limitiamoci alla costruzione di Venezia e Chiesa Nuova, in futuro appena saranno disponibili altri capitali si proseguirà'.......

    RispondiElimina
  3. Tecnicamente e'possibile conciliate l'esigenza del rispetto Dei tempi stretti con quella di evitare di by-passare v. Vittorio Emanuele senza neanche Una fermata, tra l'altro gia'insufficiente da sola a soddisfare la domanda in quella zona. Si dovrebbe pensare di aggiungere Una fermata a piazza Sant'Andrea per bilanciare la perdita di Lgo Argentina. Comunque Il modo di soddisfare l'esigenza dei tempi stretti con quella di renders utile la lines consists nel costruire la lines come da progetto iniziale limitandosi a costruire solo Il rustico della fermata Chieda Nuova. In un secondo momento con ritmi piu' lenti si completerebbe la costruzione della o delle fermate in questions. La talpa in due anni e mezzo copre Il tracciato Venezia Clodio, mentre ogni singola fermata necessita di 4 anni. In questo modo la chiusura della maglia su Ottaviano avverebbe nei tempi desiderati senza penalizzare per sempre quella che in questi anni risulta essere in assoluto l'opera piu' complessa ed enorme sotto tutti gli aspetti d'Europa.
    Se solo I nostri politici volessero per Una volta tornare ad esercitare al meglio le proprie funzioni Il modo c'e', se poi non sono interessati o stimolati a fare cio' e' un'altro daccordo..

    RispondiElimina
  4. Ma come mai non scrivete più nulla sulla metroc? Il 31 dicembre il consorzio avrebbe dovuto consegnare ad atac la tratta fino a piazza lodi per iniziare il preesercizio... Abito a Piazza dei mirti, i lavori sembrano ultimati ma il cantiere non è stato ancora dismesso del tutto, c'è ancora il vigilante e ancora alcuni attrezzi ma non si muove nulla.... avete novità?

    RispondiElimina
  5. sò tutti morti.....

    RispondiElimina
  6. Enrico ma non aggiorni più il tuo blog?
    Ci manchi!

    RispondiElimina
  7. Sono d'accordo con Trenino Blu. A quando un prossimo post? C'è molto fermento sul tema di mobilità e trasporti capitolini, basta dare un' occhiata all' altro blog MetroxRoma -->

    RispondiElimina
  8. Grazie per l'apprezzamento! Purtroppo sono stato impegnato a risolvere questioni personali ma tra pochissimo tornerò a occuparmi della mobilità di Roma!

    RispondiElimina